Povera Gina!

Povera Gina!

La voleva ar sole

Mi’a nell’òrido la tomba!

A marmo di Carara

E scritte d’otton.

Nulla d’ispeciale,
‘Na  dignitosa seportura,
Com’era stata po’,
sempre la su’ vita.
E sotto all’umido
c’aveva a sta’ il su’ povero marito
ch’era ito via diec’anni prima.

Povera Gina

Vanto lograva !

Voleva lascià ammodo

Vesto mondaccio.

Perché rinvenissi
Si rinveniva già pogo,
Sicché ‘r su genero
Ogni tanto , ni richiedeva i sordi e le’
La su’cassa da morto
Se l’era già paga’
Treoqquattro vorte.
Ni diceva che i sordi erin
per el marmista o ir pompe funebri,
 ir fioraio o per e Santin’ istampati.
Po’ c’erino l’offerte per le messe “ a ri’ordo”…

“Oh Gina, ‘un vorete mi’a che v’iscordin doppo du’anni, veh?!?!”

Le’ se lo scordava doppo du giorni d’avenni datto i sordi ar su genero ma ‘un s’iscordava mai ir pensiero di morì:
“Se ‘un passi da Vecchiano passi di Moriano” diceva, e po’, “ chi mor si sòttera e chi vive s’appallottola…”
E come tutt’i vecchietti dormiva pogo, s’arzava alle cinque, strusciava li soccoli, teneva ir fazzoletto ner grembiale o nella mani’a della vestaglia e, ‘n casa, ancho se stava sempre śitta e pagava guasi tutto le’, rompiva ancho di morto i coglionfari.
Insomma, lo vòi sape’?!?
Alla fine Gina moritte, sembra iéri, era per San Paolino patrono e c’erino le bancarelle colle ciarde a Lucca.
Era tantomai cardo ch’un si respirava e la gente indava sur fiume a fa ‘r bagno o ‘n Pizzorna ner prato.
Le’ restò a sede sotto ar noce guasi che dormisse.
Sicché chiamaron la miseri’ordia per portalla alla stanśa mortuaria.
I sordi però erin finiti:
meszi bevuti, meszi a carte, e meszi alle machinette.
Povera Gina, ni toccó la cassa d’abete chiaro tutta nodi e ragia, la veglia con du’corone e via ar Campo di Marte, po’ il trasporto fino a Lappato al cimitero der paese e ‘nvece della su bella stanśa ar sole, un buo ne’ forni quelli nòvi.

Genitoriii! ‘Un serve neancho rifassi per tempo!

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: