I méglio TorDelli

I méglio TorDelli

A Lucca siamo un popo’ curiosi;

Siamo come i cunigliori,

Che en buffi lòro

Ma ancho chi li governa

O ni fa l’erba…

Da sè ci si dicano

E da sè ci si intendano;

Ci s’ha le nostre idee

E ‘un è facile convincisi;

Siam duri come le sorbe

E le pinelli verdi!

Sarà per la nostra storia

Di repubblica indipendente

O perché vell’artri in fondo in fondo 

‘Un c’han mai comandato;

Mah, 

ancho un calcio

Tira in là! 

-si dice-

Chi lo sa se alla fine 

siamo come vell’artre città 

Che ognuna c’ha le sue

Che po’ en le stesse di tutte…

Po’ ci garba di cambia’ le parole

Sicchè

La “cooperativa”

Doventa “coprativa”

La “ringhiera”

Doventa “lindiera”

E ancho i “tortelli”

Doventin “TORDELLI”.

Ma la questione una sarébbe lì.

Guasi tutti i dialetti e le parlate

Stórpino i nòmi…

Ir problema è che ancho sulle cose

Tutti voglino dì la sua

Che la fan méglio lòro

Che velle vere originali

Enno le lòro.

In tutti i restoranti e trattorie

Induve son indato a mangià

I TORDELLI 

Han ditto che i tordelli lòro

Enno i méglio di Lucca epprovincia.

Chie ci mette 

un popo’ più di manzo

Chie più maiale

Chie meszo cornocchio

Chie uno sano di sarciccia 

Chie ir timo, chie la gnebita 

La molli’a del pane

( che ancho vello è tutto un dì

Su qualo è più bbono)

Ir pepe, pogo o ttanto…

E via discorendo.

Per er sugo po’

’un se ne parli…

ci si poterebbe scrive’ un libro!!!

-“I méglio ?”

-“En quelli fatti da mi’ ma’!”

M’ha ditto ‘r mi ami’o vando n’ho chiesto, segondo lu’ qual’erino i più saporiti ch’aveva mangio.

Mi pare la meglio risposta 

Che m’han dato

La ricetta di mi ma’ un ve la dó tanto sarebbin méglio i vostri!

Un cuniglioro di pelo rosso

TorDelli lucchesi

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: