pilloledistoria Tag

. . Oltre 2000 anni fa la struttura di “Luca” (nome romano di Lucca) fu impostata seguendo il classico schema del “castrum” romano (l'accampamento dell'esercito). . Un'area, più o meno rettangolare, divisa in quattro parti da due strade principali ortogonali (“Decumanus maximus” e “Cardo maximus”) al cui incrocio fu...

. . Successe nel 1799. Gli austriaci, letteralmente, ci rubarono tutti i nostri splendidi cannoni, alcuni anche in bronzo, posizionati sia sulle mura che nei magazzini, per un totale di oltre cento pezzi costruiti nelle nostre fonderie, con cura e perizia! . Dimenticandoci adesso del furto, vediamo come era studiata...

. . Accadde domenica 7 gennaio 1714. Molte famiglie lucchesi, come simbolo di potenza e ricchezza, disponevano di carrozze che usavano per i loro spostamenti sia all'interno della città che nel contado. Eventuali incroci nelle strette vie medievali venivano sempre risolti “pacificamente”, in un modo o nell'altro,...

. . Tutti conoscono, e penso l'abbiano vista almeno una volta, la torre gentilizia “mozzata” presente in piazza della Misericordia (a sinistra nell'immagine). . . Edificata dalla famiglia Ronzini e conosciuta come la torre del “Veglio”, altro non era che una delle molte decine di altissime strutture presenti nella Lucca...

. . Una curiosità ed un mistero. . Dovreste entrare nella Basilica di San Frediano e recarvi verso l'altare maggiore alla cui sinistra, appoggiato alla parete, è conservato un grande monolito di marmo che, misurato a “spanne”, risulta essere di circa sei metri di lunghezza per due di altezza...

. . Nei cinque anni precedenti il 1842, un gruppo di criminali terrorizzò il contado lucchese con una lunga serie di furti, rapine, sevizie e violenze prendendo di mira sopratutto le case di parroci di sperdute chiese. . La polizia, si direbbe adesso, brancolava nel buio. I briganti furono...

. . L'apparato difensivo della nostra città non era affidato solo alle mura, alle porte maniacalmente protette e agli armamenti sopra di esse ma anche a quello che era stato accuratamente progettato e costruito all'esterno. . Era l'insieme delle due strutture che creava un ostacolo decisamente imponente e che...

. . Quando si pronuncia la parola “pelleria”, un lucchese immagina immediatamente una particolare zona a nord ovest della città subito adiacente le carceri di S. Giorgio.  . Nei secoli passati però, tutto il quartiere intorno l'antica chiesa di S. Tommaso, era detto “in cuojara” in quanto vi avveniva...

. . Come per le mura romane, per entrare o uscire dalle mura medievali di Lucca, oltre le classiche porte, generalmente all'interno di torrette quadrate o semicircolari, esistevano altri passaggi chiamati “posterle” o “posterule”, dal latino “postĕrus”, ovvero ciò che sta dietro o in un luogo nascosto...

- — Mentre sono ancora ben visibili, all'interno di alcuni baluardi, quattro dei sette torrioni medievali che facevano parte integrante della cinta muraria cittadina, un altro particolare elemento caratterizzava l'aspetto esterno della città: la presenza di 24 torrette rompi-tratta semicircolari. . Queste strutture, perfettamente solidali alle cortine, venivano costruite...