CARNÉT de VOYAGE

. . Una madre a un figlio insegna come essere giusto, come amare, piangere, non per essere debole ma per dimostrare di essere umano. . Un padre a un figlio insegna come essere forte, a vincere le proprie paure, a essere onesto e a non seguire la disonestà degli altri. . Entrambi, padre e madre, a...

. . Ci sono luci che rimangono sempre accese, a volte alcune però si spengono, non siamo noi a deciderlo. Non esistono interruttori per i nostri sentimenti. Tutto si spezza di nascosto, nel buio e quando la luce si riaccende fai finta che sia tutto a posto, ma le...

. . Quando ero bamboro, la campagna lucchese nell'Oltreserchio era tutto un fiorire di pezzetti di terra coltivati. Facevano a gara a chi teneva più in ordine. . E questi orticelli erano separati da capienti fosse, con l'erba e i cigli sempre controllati, che, quando era autunno, spesso vi...

. . Eccoci arrivati alla fine di ottobre e a una delle feste tanto attese dai bambini: Halloween! Nella notte delle streghe, costumi paurosi, fantasmi, zombie e mostri si aggireranno per le strade dei paesini e delle città chiedendo "dolcetto o scherzetto?" La festa odierna di Halloween è...

. . La pizza, amata da molti nella sua forma tipicamente rotonda scalda ogni cuore e non importa che sia inverno o estate, ogni occasione é buona per mangiarne una. . Una tela bianca sulla quale i loro artisti mescolano ingredienti diversi fra loro creando quadri effimeri unici nel...

. . Tanti, tanti anni fa, in un giorno di primavera, venni alla luce.  Era il 6 aprile 1946.  Nacqui in un paese, per me da favola, immerso nel verde e ricco di acque. . Il lavoro principale delle donne era quello della lavandaia, lavoro molto duro, non c’era stagione che...

. . Ciao Sono un girasole, ma non sono un fiore. . Sono un frutto nato dal mio tormento . Sono il gesto che rifiuta il dolore . Sono ciò che vidi quel giorno dal terrazzo di una casa e che il giorno dopo vidi sparire. . Sono I corvi che beccarono ciò che restava di...

. . Premètto che quando vai ne’ pòsti, anco se ‘un ti garbin, se ci vai con chi ni vòi bène, ci vai più volentieri. . Sicché, siccome comandino i figlioli, òggi m’è toccato portà vello grande, guasi maggiorenne, all’autlet DANA che, per l’innioranti che ‘un lo sanno ,...

. . Un Mangia-fòco, mosso da impensata compassione per il randagio Pinocchio, gli regala cinque monete d'oro affinché le consegni al suo babbo, che "di mestiere fa il povero". Il burattino contravviene le raccomandazioni di un'ombra di Grillo e cede alle lusinghe di Volpe e Gatto, due...