STORIE e LEGGENDA

. . . E' difficile essere sicuri delle motivazioni per le quali a questa via, in un lontano passato, è stato assegnato il nome di uno strumento musicale. La spiegazione più semplice, e forse anche banale, è quella che lungo la strada fossero presenti botteghe di produttori o...

. . . Questa importante arteria cittadina, in origine costituiva parte del fossato che proteggeva la seconda cinta di mura e che, al tempo stesso, riforniva di forza motrice gli opifici per la lavorazione della seta che vi si affacciavano. Intorno alla fine del 1700, si palesò l’idea di...

. . . Una piazza con troppi nomi: il primo è “San Salvatore”, anche se in realtà è ufficialmente come “del Salvatore” in omaggio alla adiacente chiesa, il secondo è quello “della Misericordia” per la presenza dell'Arciconfraternita, poi viene anche chiamata con il caratteristico appellativo “della Pupporona” in...

. . .   Oggi è il turno della corte che un tempo prendeva il nome di “Piazza alla Posta”, per il fatto di essere adibita a “terminal” dei cavalli: qui, infatti, partivano ed arrivavano le carrozze a cavalli del servizio postale, mentre gli uffici occupavano i locali posti...

. . . Nonostante oggigiorno risulti abbastanza rimaneggiato da massicci restauri, in questo vicolo con annessa corticella si trova l’edificio che ospitò la sede lucchese della Magione dei “Cavalieri dell’Altopascio”, più conosciuti come “Cavalieri del Tau”. L’ordine ospedaliero, a carattere religioso-militare, fu fondato da 12 cittadini lucchesi nel secolo...

. . . Avreste mai pensato che in una città così benpensante e “timorata di Dio” come Lucca, in passato ci fosse una… stufa??? Beh, a dirla così non sembrerebbe esserci niente di strano, se non fosse però che con questo termine si intendeva qualcosa di ben diverso! Anche nella...

. . . Nei secoli passati, uno dei molti problemi da superare era legato alla conservazione del cibo, ovviamente per chi lo aveva in quantità tale da non riuscire a consumarlo in un solo giorno. Prima dell'arrivo dei frigoriferi, che sarebbe avvenuto molti secoli più tardi, l'ingegno umano aveva...

. . . Gli edifici all'interno del carcere di San Giorgio, vedi l'immagine, facevano parte di un importante monastero “nobiliare” cittadino edificato intorno al 1500 con l'appoggio dell'aristocrazia lucchese per assicurare alla prole femminile un futuro accettabile. Nei quasi 300 anni di vita, in quel luogo, hanno trascorso la...

. . . Grandi pericoli per Lucca, oltre che dalle città vicine, arrivavano dal carattere torrentizio del nostro fiume il quale, prima di prendere il nome Serchio, veniva chiamato Auser. In assenza di  argini, e considerata la vicinanza alle mura di un suo antico ramo, ogni piena provocava inondazioni...

. . . Camminare per Lucca e ogni tanto alzare lo sguardo, ci consente di vedere importanti segni del nostro passato.  Archi, volte e cavalcavia sono giunti a noi dal lontano medioevo raccontando storie dimenticate.  Nell'immagine sono illustrate due strutture diverse sia nelle dimensioni che nel loro utilizzo.  A sinistra un...