LOZIO rules e le categorie di umani.

LOZIO rules
e le categorie di umani.

Test universItalio sulle capacità cognitive e neuroillogiche.

-“LOZIO corri!!! Hanno rubato il camion!!!!”
-“Va beh… e’ lo stesso…anzi meglio così almeno non vado a lavorare”

La sera prima LOZIO aveva domandato di esser svegliato alle 7:00 e quella richiesta era galleggiata così, nell’incredulità del resto del nucleo, sul fatto che a quell’ora, dopo due giorni massacranti di turni di lavoro sul camion, molto probabilmente non avrebbe poi acconsentito ad alzarsi.

Allora si sperimenta, per burla, il test del falso furto del furgone puntando sul fatto che un uomo dormiente, svegliato di soprassalto alle 7:00 am, difficilmente riesca a capacitarsi sulla veridicità dell’effettiva sottrazione dell’unico mezzo di locomozione e lavoro nel di lui possesso.
Un detto comune per intendere l’essere indifesi in certe delicate e private situazioni afferma:
“…come dare una legnata a una persona mentre sta defecando”.

Allora LOZIO stupisce tutti con un’affermazione IRONICA & UNICA che riassume in poche parole una filosofia di vita essenziale ma quasi del tutto dimenticata:
lavorare per vivere e non vivere per lavorare.

IRONICA perché brinda alla vita vera beffandosi della stupida logica del mondo moderno e perché irride i propri “dis-simili” assuefatti a tale frenetica pratica.

UNICA perché solo un soggetto su 100 esaminati, secondo quanto pubblicato sulla rivista QICK ha un quoziente d’intelletto così elevato e creativo da poter elaborare e rispondere una teoria simile in un lasso di tempo tanto minimo.

Ben 44 su 100 delle comuni persone, se svegliate a quell’ora, dal letto avrebbero stentato a capire la possibile minaccia nei pochi istanti; molti di questi avrebbero grugnito cose del tipo “ Eeeh? – cosa?!? – ma che dici? “
Chiameremo per convenzione questi 44 soggetti “LATTENTI” in quanto ingenui come bambini e di una comprensione piuttosto latente. Corporatura esile, colorito spento, tendenti a piccole patologie collegate alla digestione l’identikit del Latt.

Altri 33 su 100 del popolo campione invece, i più pronti alla vita e quindi donne under 70 o uomini camion-muniti cresciuti in strada o che abbiano svolto il servizio di leva ( fino ai nati nel 1984 ) avrebbero semplicemente improperato offese sullo stile “ ma vaffancxxx- ‘a fess’ e’mammeta”.
Chiameremo per convenzione questi 33 soggetti “REOGENTI” ovvero gente colpevole di chissacosa e quindi prevenuta nella vita addirittura propensa alla lite verbale con il prossimo.
La fisicità del Reo si distingue per la forte muscolatura e peluria cutanea, nel maschio accompagnata spesso da adipe nella zona addominale.

Del restante campione individueremo persone con attitudine alla creduloneria, normalmente utenti televisivi della domenica pomeriggio, fruitori di oroscopi on-line, contatori di likes su social. Questi 22 soggetti denominati nella scala Lowwen “RINTRONENTI” reagiranno nei dieci secondi successivi alla chiamata scattando dal letto, vestendosi in tenuta da lavoro ( anche domestico ) semplicemente esclamando tragicamente “Noooooooooooooo” e statisticamente avranno questa reazione identica nei successivi test effettuati sullo stesso dramma con periodicità quindicinale.
I caratteri fisici distintivi del Rintro sono la sporgenza dell’arcata dentale superiore e lo sguardo spento e demotivato.

L’ultimo profilo pissicosomatico, ultimo per interesse scientifico ma soprattutto umano, raggruppa il campione dei “NON-CRODENTI”: non credono in niente e nessuno perché confidano solo nella corona “Crown” intesa come valuta/pecunia e come classe governante/dirigenza lavorativa; statura media, istruzione media, taglia media, età media.
Questi 11 elementi, particolarmente menomati nella fiducia e scarsamente propensi ai cambiamenti, sono soliti dispensare consigli interessati con piglio serio e forte attitudine ad argomentare.Si possono riconoscere molto semplicemente proponendo loro una domanda non tendenziosa alla quale risponderanno inderogabilmente con un’altra domanda in forma “Perché? Com’è che mi chiedi ciò? Non lo so e te?”

Al test risponderanno semplicemente ” Perché?” cosicché prenderanno tempo per elaborare e quindi non credere.
Risultato: faranno perdere tempo alla comunità scientifica, sprecheranno il loro tempo su una strada già battuta senza apportare miglioramenti, positività, individualità e sentimento.

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: