Lucca com’era: il Carnevale

Lucca com’era: il Carnevale

Le origini delle manifestazioni del periodo che va da dopo Befana all’inizio della Quaresima, comunemente chiamato  “Carnevale”, si perde nella notte dei tempi con valenze diverse da periodo a periodo, da popoli a popoli o da religione a religione.

La chiesa cattolica ha inquadrato tale periodo come  momento di riflessione e riconciliazione con Dio che nell’aspetto religioso si evidenzia con il rito di preghiera delle “quarantore”

Anche la popolazione della Repubblica di Lucca ogni anno rinnovava l’avvenimento con mascherate e “lazzi” che, fino a circa il 1830, si svolgevano in via dei Borghi.

Di questo, peraltro, non siamo riusciti ad individuare tracce storiche tangibili, mentre alcuni documenti danno la possibilità di ricostruire gli avvenimenti dal 1830 in poi.

Infatti Maria Luisa di Borbone, signora di Lucca in tale periodo, aveva dato esecuzione ad un progetto urbanistico esistente sin dal 1767 con il quale si intendeva effettuare la parziale copertura del fosso che attraversava la città.

Un carro di carnevale in via dei fossi coperti ( oggi corso Garibaldi)

Il tratto interessato era quello tra il baluardo San Colombano e Cittadella.  Lo scopo dichiarato era quello di creare un’ampia zona di passeggio e transito oltre che di poter avere gli spazi necessari per eseguire adeguati corsi carnevaleschi. Fu così che, con la nascita della via dei “Fossi coperti” (oggi corso Garibaldi), la popolazione lucchese trovò il punto di riferimento per incontrarsi e divertirsi.

I corsi ed i giochi carnacialeschi in questa zona si svolsero fin verso il 1920 allorchè, con il rientro dei militi dalla prima guerra mondiale e delle conseguenti variazioni sociali e politiche, non cambiò profondamente il sistema di aggregazione.

Nacquero infatti numerose associazioni d’arma, di ex combattenti, politiche o settoriali che nel loro ambito, fra le altre cose, organizzavano feste danzanti con particolare cura per quelle del periodo carnevalesco. Alcune di questi gruppi non riuscirono a sopravvivere al ventennio fascista, ma quelli che  in qualche modo ne vennero fuori indenni, continuarono le tradizioni fin dal primissimo dopoguerra. Naturalmente a queste si aggiunsero altri circoli nel frattempo nati intorno a nuovi gruppi di interesse.

Uno degli appuntamenti più attesi in assoluto da tutta la cittadinanza era il “lunedì delle maschere”. Per tale serata la città era assolutamente gremita di gente che attendeva con ansia il “passo delle maschere”.

In pratica ogni circolo organizzava una grande serata da ballo naturalmente con orchestrina dal vivo (gli impianti HiFi erano ancora lungi dall’arrivare) ed i soci che per un anno avevano studiato ed organizzato una mascherata a tema, opportunamente travestiti solevano visitare tutte le sedi delle associazioni sia per dimostrare la propria iniziativa, sia per scherno. Chiaramente per passare da una sede all’altra dovevano transitare dalle vie del centro dove, come già accennato, una gran folla li attendeva per dar loro un giudizio.

Fra i circoli più attivi e famosi ricordo il “Circolo dei Cacciatori” in piazza Grande, “La Pantera” in via Buia, il “Circolo Ufficiali” in via Sant’andrea, il “Circolo Lucchese Rosso Nero” in corte Sbarra, Il Circolo “Edera”  in via Santa Giustina ed infine, non ultimo, l’unico rimasto tuttora attivo il “Circolo Unione” di Via Santa Giustina.

A dirla tutta dovrebbero essere ricordati anche altri quattro gruppi che organizzavano importanti feste di carnevale in date diverse dal “lunedì delle maschere” e che erano aperte quasi esclusivamente agli iscritti:  il “Circolo sottufficiali” presso la Caserma Mazzini, il “Dopolavoro Cucirini Cantoni Coats” all’Acquacalda che realizzava due serate separate una per gli impiegati e l’altra per le maestranze, la sede del “P.C.I.” in corso Garibaldi ed il più esclusivo  “Veglione della Stampa”  che ogni anno si svolgeva nell’area di platea del Teatro del Giglio dalla quale, per l’occasione, venivano rimosse tutte le poltroncine.

A tutte queste iniziative si aggiungeva una sfilata di maschere “libere” che partendo da Via dei Borghi attraversava tutta la città fra ali di folla.  

Cose di altri tempi oggi impensabili, ma che fanno pensare al senso di comunità allora esistente.

 –                                

 di Carlo Rossi

L’indimenticabile “Polvere”, vocione da baritono, sempre scherzoso in giro per la città sulla sua bicicletta

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
1Comment
  • il Lustro
    Posted at 21:57h, 27 Aprile Rispondi

    Carnevale. Il nome della festa, antichissima e di origine cattolica, deriva dal latino “carnem levare” poiché indicava il banchetto che si teneva il martedì grasso, prima del periodo di digiuno della Quaresima. A Lucca, fino ai primi anni del 1800, veniva festeggiato nella zona dei Borghi con la presenza di maschere e carri allegorici trainati da cavalli, ma poi, nel 1817 arrivò Maria Luisa di Borbone. Il liceo universitario, il giardino botanico, l’osservatorio astronomico, il teatro del “giglio” (così chiamato in omaggio allo stemma borbonico), l’archivio generale (ancora presente in piazza Guidiccioni) e tante, tante altre opere fecero di lei, al contrario di Elisa Bonaparte, una donna molto attiva e amata dai lucchesi. Dopo un primo tentativo di altri, fallito pochi anni prima, Maria Luisa riuscì a procedere alla copertura del fosso che ancora passava nell’attuale Corso Garibaldi e che venne quindi chiamata “via del fosso coperto”. Concedendomi una piccola licenza storica, mi immagino anche la motivazione di questo lavoro. Probabilmente amava l’aria festosa del carnevale ma il luogo del suo svolgimento era, oltre che esteticamente non adeguato, troppo lontano dal suo Palazzo e quindi volle trasferirlo in un luogo più degno e a lei vicino. Fu così che tutte le manifestazioni carnevalesche vennero portate sulla nuova via la quale, proprio per questo, cambiò nuovamente nome in “via del Corso”. Nell’immagine, oltre la bella Maria Luisa, è riportata una rara foto degli ultimi anni del 1800, dove si vede un corso mascherato in quella strada che, successivamente e proprio in ricordo di queste sfilate, mantenne il nome di “Corso” anche se, “Garibaldi”, arriverà qualche anno dopo…
    .
    di Enzo46

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: