I cinqu’elementi

I cinqu’elementi

  1. I cinqu’elementi
Bella mi’acqua mia
Quante polle c’erino
E gore che scendevino
Per beve alla Badia
Be’ mi lindi campi
Sfamavin tutto il Piano
Fagioli, spunta e grano
Da Vorno fino a’ Santi
Be’ mi muri ritti
A secco e di carcina
Fatti di com’erin fatti prima
Mi’a di cimento e brutti
Be mi’ venti
Erino sette o quattro
T’ingobbivi come un gatto
Odoravino di genti
Bella ancho la mi’ miseria
Aperte erin le porte
Si stava tutt’in corte
E mangiavi quel che c’era.

Primizie biologiche dei nostri orti

Erbacea detta “cibo delle serpi”

Campi di foraggio

Fiori di zucchini colti al mattino

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: