Responsabir- mente

Responsabir- mente

Lo vo’ dì anch’io:”

Responsabirmente”

Te lo ri’ordi, oh Pialla…
La nomina s’aveva noi,
Ma briai erino vell’artri.
A noi ci garbava inda’aggiro
fa’ le ‘orse colle vespe
fa’ l’amore e le mattie
E po’di fa’ franella
Colle ragasze alle Parole d’Oro.
Per el treddici
Sur fiume c’era ir Cagnazzi
A tira’ i foi, tutti ‘oloratti,
E noi, si volev’anda’ alla Casermetta
A guardalli tra i purma.
La procession s’era abbacca
Du’ o tre vorte
E s’era arivi diettro ar coro a beve,
ancho s’un s’aveano l’anni,
Varche cintello di peschino.
Po’ s’era torni ar bare;
Fin-a-lly tutto ammodo
Che po’ c’è l’aveva ditto
Ancho il tu’ pappa’
D’un tornà tanto tardi.
Te, era méglio s’un ci andavi
Po’ con quelli grandi,
Che tanto sempre dicessette
Erino i tu’ anni ( e quelli son restati,
maladetto ‘r cane ).
Ora stai vi
Da tu’nonni.
Ar bare ‘un c’è più nessuno:
Chie s’é sposo, chie ha fatto i sordi
Chie é andato fòri a lavorà;
Io son torno doppo ventivattranni.
Ma dicessette en poghi davero,
Ni vorei dì a ragaszi di óggi
Ma ne’ bare ‘un ci vengano,
Van a Lucca
In piasza Napoleone
E ‘n fondo alle mura:
“Responsabirmente
Vi dovete comporta’”.
Ni doverebbe imparà
I su’ genitori
Ma lavorino
E allora ni comprino
L’aifon e la pleisteacio
E lòro pensino che c’è tutto lì
Che comunicà vor di esse’ soli
Ma con l’affare in mano.
E allòra fanno a chie ha la faccia più a culo e a chie c’ha più firme addosso e più tatuaggj.
Si facessin delle seghe piuttosto
Che noi se ne facevino tante!
Pensano che la guera ‘un l’ha fatta ‘r su nonno
Ma la fan lòro a reimbo
Che córe in machina e picchià la gente
Pol’esse ganszo.
E po’ l’omini en tutti fumati
E le ragasze vestite cor costume
In discoteca
A guardà chi è più briao.
E su pa’ a aspettalli fòri
Davanti all’ingresso
E lòro dietro a beve la bodca
Nelle bottogline di plastia
Che a chi ni riempie
Ni darei si
Ma delle ciaffate.
Ma la corpa ‘un è mia di lòro
Neancho di su pa’
È perché ‘un han più sogni
‘Un han speranze per el domani
Enno soli solo e soltanto.
Sul beve c’è scritto
“Bevi Responsabirmente”
Sulle sigarette c’è scritto
“Fuma’ ‘un fa bene”
C’è ancho i disegni
Con que’ bui di ‘ulo
Che fanno recie e timor di Dio.
Su’ grattini c’è scritto
“gio’a responsabirmente”
Sulle machinette c’è scritto
“Il gio’o provoca dipendensa”.
Ni vorei dì di vive
Responsabirmente
Di sbaglià
Di falle prima le mattie
No quand’an quarant’anni.
Di studià, di légge un libro
Classi’o, no di facciata;
Di ‘un vergognassi
De’ su sentimenti;
D’ascoltà il su cuore
E ancho i su’nonni
Di vive di slanci
Di spenge il telefano
E la televisione
E andà sur fiume o in monte;
D’interessassi ar su paese
Anda’alla messa
Se ci credano
Et esse sempre cristiani
Anche se ‘un son credenti.
Lo vo dì anch’io:
“Responsabirmente!”

Il coro di San Michele

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: