Sul traffico

Sul traffico

Bastino du’ sole goccie

Bastino du’ sole goccie

E ‘r traffi’o si ferma
Finiscie tutto a merda
Le machine enno roccie
Eppure Lucc’ è ‘no sputo,
Parlando co’ rispetto,
‘Un è mi’a Roma e ‘l su ghetto
raccordo, anello e ‘mbuto.
Carducci, Salicchi e Castracani
Un’enno passi enno viali!
Possibile, io e po’ lai
Che a piove son’i guai?
L’acqua allòra rende tutt’uguali:
Fèrmi, bagni, incaszati e strani.
il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
1Comment
  • il Lustro
    Posted at 22:45h, 23 Marzo Rispondi

    Allòra vi o’ racconta’ di staman…
    Vero-verità mi dovessin ceà ‘r gatto che ‘un hó!!!

    Siccome però c’hó ir culignorino di velli nani e da un varche giorno ha un popo’ di sciorta, m’ha ditto mi pa’, che de’ curignori se n’intende che ne fa un fottio anco per er maiale, di fanni mangia’ l’erbina fresca dar campo ‘nvece che que’troiai che si comprin…
    .
    Sicché, veduto che anco ‘r can c’aveva da fa’ le su mattìe come tutte le matine ( e su’ bisogni pure) hó pensato:
    “‘nduve li pótrei porta’ da respira’-anco un goccin d’aria ammodo? In via di Tiglio a San Filippo? Sur viale Castracani all’Arancio? In via Salicchi dietro l’INPSe?”
    .
    Po’, siccome sto a Sant’Anna, per un ammattì tanto hó ditto:

    “Vado giuggiù per la pista cicla’abile, così ir canin fa vercheciadafa’ ( che lì si pòle, lo dice anco ‘r nòme ), po’ giro da porta nòva ar rotondon e, se ‘un mi pèrdo o ‘un mi stiaccin prima ( io cane e curignoro , Me e tutte le carabattole ) vò anda’ ‘n viale Carducci ar campo Balilla che, mi pare d’ave’ visto, ha attecchito l’erba ténera ténera!”

    Allòra arivo sotto li spalti, sciolgo ir cunigliorin (che già era sciorto di suo ma per un artro conto -poverin) e ni dó lascio sperando ‘un vada sotto varche machina sulla via…

    E lu’ invia a mangiucchia, prima a denti lunghi, po’ ‘n popò più alleccorito e po’ all’infuscata che mi vien da pensa’
    “ mah, ma mi pa’ si sarà isbaglio ?!? ‘Un è che ora ni vien l’aonco ?!?”

    Ir problema è che a ‘n certo punto io e ‘r cane siam rimasti lì come du’ sciabigotti e lu’ ha principiato a córe su è giù per el campo che sembrava un ciuo ‘mbiśzarito.
    Noiartri lì rimbiscariti che ‘n si sapeva se chiappallo ar laccio, sparanni col tronchino, danni ‘na badilata o chiama’ ‘r campo di marte o la quistura.
    .
    Mah, sarà stata l’erba gatta? L’erba di Grace? Ir piombo delli scarichi de’ purma? Varche pasticca di ricostituente di velle lasciate de cosplei?
    O avea gana di sentissi libero e torna’ servaggio come i leoni delle praterie der baluardo di san Colombano?
    Così foresto e ‘nfingardo ‘un me lo saréi creduto.
    Òra hó fatto denuncia alle sòre davanti, sperando lo richiappin lòro, po’, sempre se ‘un finisce trall’ulive a Rifatto o sbiacciuato sotto ‘n suvve a spezzatin lo portoró a curassi.
    .
    Chie l’ha visto o ha notizie mi scriva.
    Vestovì son io, ir cane e lù ( doppo la trasformaśzione ).

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: