De’ cognomi

De’ cognomi

“Me l’ha ditto ‘r cognòme”

Me l’ha ditto Dalle Mura
D”asserba’ come una teca
‘Na segreta bibblioteca
Che contiene la curtura.
Me l’ha ditto il Giusti-
“Méglio sussurà che discore
Risparmi ‘r fiato e il cuore”
-L’hó ‘mparato da’ vetusti.
Me l’ha ditto ‘r Frediani
“Vesti Vi ‘un en monti
En nostra riserba,
‘Un enno merda,
Ma tère, fiumi e ponti
E chiese di paesani”.
Il sonetto finirebbe qui secondo la metrica del dolce stilnovo ma amo aggiungere:
Me l’ha ditto ancho mi pa’:
“‘Un istà a scrive, grullo !”
“ Pappà, è un trastullo!”
“Sennò ti mando a lavorà”.
il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: