Bucoschi e Pareto

Bucoschi e Pareto

Bucoschi o Bukowski di Lucca, nei giardini alla stazione ferroviaria.

Bucoschi e Pareto

Sortito dar comodo s’era lavo le zampe davanti perché aveva cambiato l’acqua al merlo e era educaszion lavassele ( ancho se lo sciaqquon ‘un l’aveva tiro ).

Doppo s’era misso a sedé ar su pòsto e aveva principiato co’ su discorsi a randello sur lavoro sottopòsto, che potevino sembrà un popo’ da comunista. Ar bare erin guasi tutti più der Duce ma a lu’ un ni fregava mi’a, nessuno lo poteva contraddì sennò era péggio perché ‘un’ismetteva più…
Insomma principió…

Indate a lavorà, vai ! Peori! Che lo diceva ancho Bukowski che fa male lavorà, che ingrettisce l’omo, ni leva la libertà e l’ompaurisce per nulla…; ‘r pòsto fisso è ‘na fissa vostra e state lì a favvi piglià per ‘r culo perché avete paura d’esse’ licenśiati…”

E lù, che ‘un si sapeva qual’era il su’ lavoro e s’avesse mai lavorato, era uno de’ tanti che ti dicevi “ Di che camperà?”
Lo vedevi ogni tanto ar bare, vando sulle Mura a légge, ma sempre senśa fa una semplice e a fumassi le su sigarettacce che puzzavino.
Noiartri giovanotti, ma doppo ancho i vecchi, ni s’era messo nòme “Bucoschi”come quello ameri’ano  briaone puttaniere de’ libri che leggeva lu’…

“ Che vorà dì arśassi alle séi colla svèglia che ti dice che devi mangià a forśa, vestitti e litigà colle machine per la via, per indà a lavorà per varcun’artro? Che po’ ni devi dì ancho graśzie se ti tiene! Lo sapete che diceva Pareto? Che l’ottantapercento de’ sordi dell’ingresi ce l’han ir ventipercento dell’omini perché ‘r venti delle cause doverebbe fa’ l’ottanta e passa dell’effetti.

Qui va tutto a’ rovescio! Bisognerebbe lavorà 2 e riposassi 8 opperlomeno pensà un popo’ all’omo, che ‘un è fatto solo per lavorà, ma ancho per ista’ da sé, per ricercassi e istudià, per istà con quell’artri omini e aiutassi, no tirà sempre avanti alla méglio o a mettisi di meśzo o a mètte da parte i quatrini e comprà robba ch’un serve…”

C’aveva veste teorie vì, Bucoschi, capellone, barbone, lavassi si doveva lavà pogo perché era sempre vestito uguale, estat’inverno colli scarponi.
Secondo lu’, doppo ave’ lavorato dieci-dodiciòre, levato ‘r tempo per mangià, per lavassi e vestissi, ‘r tempo che si guida la machina, la television e ‘r telefano, l’ott’ore che si doverebbin dormì ci restava davero pogo per l’omini e ver pogo si stava ancho agganghiti.

Ar bare no!  ar bare ‘un si stava agganghiti:

 fancaśzisti, nullafacienti, pelandroni, certifi’ati della mutua, gente che si facevin mantené da su pa’ o su ma’, briaoni, gio’atori d’azzardo, arangioni truffaldini, rubbapolli ce n’era un fottìo… un po’ d’ogniché….
ma tutta gènte ganza che a Bucoschi ni garbava!
Po’ smise di venì, o forse cambió bare e andò in uno dove c’era gènte “meglio”…. “méglio” per mododidì.
Da urtimo l’hó rivisto ner giardino davanti alla staśzion de’ treni, sempre cor su’ giornale, a fumassi le su’ sigarettacce…
ma òra ‘un è più neancho lì.

Una delle tante poesie d’amore scritte dal nostro Bucoschi

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: