Moda a Lucca

Moda a Lucca

Moda d’oggigiorno a Lucca

Le bretella a Lucca,
Che si sentan tanto mentovà
-Segondo di me,
Che da me
me le di’o
E da me
Me le intendo-
Van pogo di moda;
O méglio,
Tanti ne fan-a-meno
‘Un ni garba granché
Com’accessorio.
Sì, ci mancherébbe,
Ci poi indà a Marina
E ancho ‘n Versilia
A giro pe’ la passeggiata,
A fa’ ‘r pottino ,
A bischero sciolto
Co’ le bretella…
Ma po’, spendi
‘n mucchio di vatrini
Tra indà, mangia’, béve, benšina
Che, allòra,
Prima che il gio’o rèsti,
è méglio di ‘sta a casa
O indà a fa’ ‘n giro di mura
In maglia, bra’ette e via.
Che po’,
 ci poi indà ancho ‘n Quiesa!
‘Un sarébbe proppio ‘legante,
Ma ci van in tanti, uguale,
De’ lucchesi e pianigiani.
Io, presempio,
-Che n’ho fatte vant ‘e Cacco
E che, fa le mattie, mi garba
Perch’un trovo mai poso-
l’ho prove unsomaiquanto
Ancho per indà a lavorà
O per indà a giro…
Ma mi pare di fa’ride’ i polli
Mi sembro sciabigotto,
Sicché c’hó dovuto fa’ la croce.
Mah…  ‘un lo só….
Apparte ir discorso
Ch’en care, góstin un popo’,
Mi vedo togo,
 ‘n piggello lì,
Secco com’un chiodo
A aspetta’ di che?!?
Mi stan tutte arte sopra…
Po’ c’è sempre varcosa …
Che ti verébbe da dì
Vando oramai ce l’hai:
“Bada ganšo!
Mi par millanni
Levammele!
Era méglio la cintola
O ancho nulla!”
“Chi sta ben, ‘un si tramuti!”
dice ‘r mi’ ami’o Mario.

Il casello dell’ominima Autostrada “Bretella”

.

.

Settanta dispersi ( una storia vera )

.

Siccome la notte leoni, la mattina ci si rinvien pogo e, sarà l’abitudine perché l’autostrada che piglio sempre è la Bretella di Gucci per anda’ a Marina di Lucca, staman che dovivo recammi a Migliarin mi son isbaglio e ho ripreso uguale l’A12.

Ho visto ‘ cartelli che si poteva gira’ per Pisa M. l’istesso, sicché ‘un mi son scoraggiato. (M. signifi’a Migliarino eh )

Oh te!

Gira che ti riprillo lì c’è chiuso l’entrata, vì l’uscita, di va ‘un ci si pòl passa’… alla fine son sortito all’aeroplan hó ditto ‘un voran mia de quatrini?!?

Invecie 70 centesimi per fa’ vesto bel giro panoramio tra ‘ lavori sulla via.

Per fa ‘r giro al rotondon der Mec mi c’è vorsuto una meśzora e n’artra meśzora per entra’ ‘n autostrada A11 ( Firenśe-amara ) che c’era una corsia sola.

Speriam d’ ‘un ave’ chiappo dieci anco cor velosse ar casottin con scritto “Giusta” tra nordsudovestest sennò era méglio sta a letto.

‘Un ho fatto fa la ricevuta ma s’un ci credete provate voiartri.

P.s: Òra son qui a Migliarino accostato che aspetto d’entrà da un mi cliente a scrive questo promemoria vi’ e mi s’è accostata una signora ‘n divisa che ma ditto:

 “Son Cinquanta euri”

“Eh no! Io lai, anco 50 euri di parcheggio dieci menuti no eh”

.

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: