Tombar canali d’acqua

Tombar canali d’acqua

.

 

Fino al XIX secolo la piana di Lucca era percorsa, grossomodo da nord a sud, da innumerevoli canali che, in vari modi, servivano la popolazione.

.

Poi, poco per volta, l’urbanizzazione richiese sempre più spazio per strade, piazze ed edifici e, proprio nell’immediata periferia della città, iniziò l’opera di copertura di questi “scoli”. 

.

.

Uno ad uno vennero intubati, nascosti, coperti o, come si usa dire, “tombati”. 

.

L’acqua continua a scorrere non più a cielo aperto ma sotto di noi, obbligata in spazi di dimensioni fisse e, siccome l’acqua non è comprimibile, quando, con le classiche “bombe” d’acqua, ne arriva una quantità maggiore di quella prevista, il canale sotterraneo non ce la fa più e “scoppia” facendo anche fuoriuscire l’acqua dai tombini stradali depositandola in superficie fino a quando, più o meno lentamente, il canale “tombato” non riuscirà a riprendersela tutta. 

.

Nell’immagine sono evidenziati in rosso solamente i due canali sotterranei più vicini alle nostre Mura. 

.

Il primo (a destra) proviene dall’area di San Vito, passa sotto il parcheggio dell’ex ospedale Campo di Marte, percorre via Barbantini, arriva in via Orzali, passa sotto il vecchio scalo merci e poi, dopo aver attraversato i binari della stazione si ricollega al vecchio canale presente sotto via della Formica. 

.

Il Giannotti

.

.

Il secondo (a sinistra) arriva dal Giannotti, percorre tutta via delle Tagliate arrivando vicino alla chiesa di Sant’Anna dove si ramifica in due direttrici; una su viale G. Puccini e l’altra lungo la via Pisana.

.

di Enzo46

.

 

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: