Du’ chiodini, io e Puccini

Du’ chiodini, io e Puccini

.

.

Un rapporto di amore e odio quello tra Giacomo Puccini, il famosissimo compositore nato a Lucca e la sua città.

.

Si dice avesse fama di donnaiolo e che, per questo, i lucchesi-bene lo tenessero un po’ alla larga, specialmente dalle proprie signore.

.

.

Come spesso succede, poi, prima che un personaggio diventi famoso, esso viene un po’ snobbato, guardato con invidia o semplicemente non amato.

.

Poi la fama arriva e tutti vorrebbero tornargli amici, invitarlo presso di loro, condividere questo suo magico momento o trarne qualche vantaggio.

.

.

Oggi, Giacomo Puccini, rappresenta probabilmente l’uomo più noto al mondo di origini ( e natali ) lucchesi; un turista su due sceglie Lucca come sua meta, attratto dal fascino immortale di questo compositore che ha lasciato al mondo le opere più spettacolari e magistralmente rappresentate.

.

.

E Lucca? Lucca lo ama oppure ha bisticciato con lui? Che sia giunto il momento di far pace, un po’ come i capi-indiani che fumavano il calumet per deporre l’ascia di guerra? 

.

.

Si leverà mai il fil di fumo ( da Madama Butterfly ) che annunzia una fumata bianca di pace volta ad eleggere una nuova era in cui questo grande artista possa coesistere con la propria città d’arte?

.

Una mia illustrazione inedita a china e acquerello

.

Io ci ho provato !

.

L’ho trovato un po’ altezzoso, lì bronzeo e seduto un metro più su di noi comuni mortali fagocitanti ai tavoli.

.

Non per questo ho evitato di offrirgli da bere un bel chiodino ( aperitivo fatto con vino bianco e un goccio di Campari ) e direi che lui, da grande amante del buon cibo e del buon vino, non ha disdegnato.

.

.

Il chiodino, aperitivo molto spartano e popolare assume vari nomi di città in città.

.

Alcuni lo chiamano “bicicletta” , altri “mediato” , altri “macchiato” ma sempre di vino bianco e Campari consiste!

.

E Puccini? Che lo si ami oppure no, credo sia innegabile la sua Arte!

.

.

“Du’ chiodini, io e Puccini”

.

 

Un dieci pertiche piuallà d’induv’è nato

Ci sta Puccini comodo assittato 

Du bracci piussù de’ commensali

Che mangino vì ‘n piaśza ‘ome maiali!

.

Mi pare serio e ‘n po’ sfavato 

Lù’ che mangia’ e beve’ n’è sempre garbato

e fuma colla gamba accavallata 

guasi aspettass’a fa’ ‘na briscolata.

.

Forś’i coglion’ in bronśo girin anco a lù

di fassi i serfi da postalli su fesbu?

O ce l’ha con noi lucches’ingrati

Che i su’ lavori ‘un s’en mai considerati?

.

Sai che c’è ?!? Ni vo’ portà ‘n chiodino:

‘na goccia di Campari drento ‘n vino!

M’è parso si levasse ‘n fir di fumo

ma forśe mi pigliava per el culo.

.

Speriamo sii fumata bianca-chiara

Un calumette alla moda amerindiana

Da dì “Io lai, chi ha uto ha uto…”

Mah, ir chiodin vedo l’ha bevuto!

.

de Il Lustro

.

.

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: