La Scari’a ( marachelle e punizioni di un tempo )

La Scari’a ( marachelle e punizioni di un tempo )

.

.

La temibile “Scari’a”, chi era costei?

Il significato stava nella minacciosa frase:

 

“Te ne do una scari’a che la metà ti basta”!

.
Beh, una minaccia imminente di essere “gonfiati” (percossi). Puniti per aver combinato un qualcosa di particolare gravità.

.
“Ti do una quantità di botte che già con la metà saresti a posto!”.

.
Ma chi decideva il grado e la quantità della punizione?

Non certo noi, innocenti angioletti che, tra l’altro, non facevamo altro che  imitare “paro-paro” ciò che facevan i più grandi.

.

.
Si prendeva un pitoro/pollo/galletto nel pollaio, chiuso tra due barattoli e lanciavamo tutto in aria?

Magari qualche effetto collaterale, tipo brodo e bollito da anticipare, veniva fuori….

.
Non era questo lo stesso esperimento della cagnetta Laika (1957) e di Yuri Gagarin (1961), che, in una…. scatola di sardine andavano nello spazio?

.
E non si poteva fare i dottori anche noi?

Quando la nostra amichetta aspettava la puntura, con un bicchiere feci un cerchietto sulla gambina rosa e lei scappò piangendo in casa……

.

.
E chi ci insegnava di mangiare i polloni delle viti, cioè i giovani butti in primavera, che avevano un buon sapore agro-dolce? Certo, non la pensava così il contadino preoccupato del danno….

.
E gli alberi da frutta che da sé si scaricavano?

.
E i campanelli o i battenti delle porte che si animavano di notte?

.
E quando, con le scarpe buone, non ce le toglievamo dopo la scuola e ci giocavamo a pallone? E la parte/il compito poteva aspettare….

.
E quando andavamo a benedire le case e si tornava un po’ su di giri perché avevamo in corpo più bicchierini (dei rinfreschi) che anni?

.
E… boh, chissà quante altre birbonate si facevano.

La suora dell’asilo si lamentava.

Il parroco non era contento.

La maestra diceva la sua… e, ogni volta:

 

“Te ne do una scaria che la metà ti basta!”.

 

Sinceramente, poche volte ho subìto la leggendaria scarìa!

Il più delle volte, l’avevo “alla banca con gli interessi”.

Mai mi son preoccupato di riscuoterli, quegli interessi.

E si sa, anche le banche poi ti prescrivono tutto il capitale e il maturato….

E quindi, così finisce? Sì con una considerazione importante.

Se già la metà delle botte mi bastavano, e a questo si sarebbero limitati, la mia infanzia è stata felice di quello sconto.

 

.

di Giuseppe Pardi

.

In foto: ” la frutta”, che una volta era preda ambita dai ragazzi e che ora interessa a pochi bambori .

.

 

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: