The GIG n.1 di Alessandro Sorbera

The GIG n.1 di Alessandro Sorbera

.

.

L’universo di Alessandro Sorbera, ligure ed ora lucchese di adozione,  è un cosmo fantastico popolato di astri che, talvolta sorridenti e sornioni oppure minacciosi e ammiccanti,  fermano il loro altalenante bagliore per farsi dipingere su un foglio di carta o cartone. 

.

Questo mondo stravagante e bizzarro si lascia popolare da dinamici umani, resi nei loro minimi

tratti e contorni e da “bipedi” insetti che nella loro macro-rappresentazione rivendicano una dignità ed un ruolo che la loro insignificante mole normalmente  gli riconoscerebbe.

.

Tutte le illustrazioni, anche quelle che sembrino ad un primo esame più semplici , sono il frutto di una notevole ricerca interiore e di una composizione scenografica completamente immaginaria: saper riprodurre quanto è visibile dipingendo,  richiede capacità, ma creare dal niente una scena o un soggetto necessita ,  oltre alla tecnica, dell’emotiva genialità di chi inconsapevolmente vive per l’arte.

.

de Il Lustro 

.

.

The GIG n.1

.

.

Il mare piatto
attende il suo capitano,
Per mostrare la sua forza.
.
Lui arriva.
Ai suoi piedi quel mare si muove,
È fatto di urla e mani alzate,
Ora è suo.
.
Vibrisse scoccano rapide
Come fruste nell’udito
Il rombo di mille tuoni scuote il petto.
.
Le onde lottano fra loro
Mentre la sua voce
Tira fuori il fuoco rosso che sanguina
.
Il mare pazzo è all’apice della sua ossessione,
Ma lui è lontano
E l’acqua non lo lambisce
.
Dopo aver visto le onde
Muoversi secondo il suo volere,
Il capitano guarda l’orizzonte
Un’ultima volta
E se ne va
.
Quel mare ora è solo vuoto
Svuotato delle sue gocce
Svuotato delle sue onde
È solo….. Arido asfalto
.
Rock. Sempre.

.

.

Testo e immagine di Alex Sorbera

http://alexorber26.tumblr.com

.

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: