L’espressionismo di Cristiana Di Ricco

L’espressionismo di Cristiana Di Ricco

.

.

.

Incontro con l’artista lucchese Cristiana Di Ricco per ammirare una ricca produzione di dipinti nella sua casa-studio: una grande “galleria” popolata di cromatica pittura espressionista.

.

.

I colori, che contrastano col nero dei vestiti dell’artista, sono un aperto richiamo alla vivacità emotiva e ad un’arte che non può non prescindere dalla visione di se ma anche del ricordo e dell’immaginario.

.

.

Ogni dipinto narra una storia, un vissuto, oppure una sorta di premonizione o il sogno di quanto si desidera ( o si teme ) che accada.

.

.

L’emozione è la protagonista indiscussa e non ha alcun filtro come limite , ma un canale mediatico significativo come quello di una pittura fortemente accentuata e carica di contenuti.

.

.

.

I nudi, le figure e gli stessi volti sono descritti con curve incise (  o pastose o materiche ) che accentuano la fattezza anatomica nel suo naturale movimento in un “auto-abbraccio” simbolico, estremo e ricercato.

.

.

Ricorrente è il ritratto femminile, ammiccante nel mostrare la propria nudità ma senza volutamente posare, talvolta spogliato dei conflitti passati ed in cerca di nuovi o intento a sorvolare con una scopa da strega un mare in burrasca…altre volte è un felino, il popolare Avatar ( gatto che appartenne al centro storico ) a dominare la scena col suo innato carisma regale.

.

.

.

Sulle pareti c’è posto per cornici vuotate della tela, profili in attesa di un dipinto “migliore” che arriverà a riempire quel vuoto ( in cui si intravede il muro) oppure di un dipinto che scaramanticamente non verrà, per farsi attendere affinché prosegua questa ricerca di colori , figure e emozioni.

de il Lustro

.

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: