Gosto e Mea

Gosto e Mea

Si usa dire a Lucca “essere come Gosto e Mea” per intendere una coppia, uomo e donna nell’ordine, di fatto inseparabile e che si muove e svolge attività sempre in due.

I Gosto e Mea lucchesi pare fossero una coppia di commercianti ambulanti molto caratteristica e che amava il buon bere e il cibo genuino.

Gosto, al secolo Agostino e Mea, Domenica, sono due nomi assai diffusi nella nostra zona e in tutta la Toscana. 

A Lucca abbiamo Sant’Agostino che è una piazza e anche una chiesa che, ricostruita su quella di San Salvatore in muro, perché addossata alla cinta muraria romana,  ospita la famosa Madonna del Sasso e l’affresco del Gemignani che include appunto Agostino. È sede anche della tomba di beata Elena Guerra, fondatrice delle suore di Santa Zita e teologa che fu molto attiva.

La “Domenica” più conosciuta è invece Maria Domenica Brun Barbantini, santificata dal 1995, fondatrice della Congregazione dei ministri degli infermi di San Camillo: “più cuore in quelle mani” il motto Camilliano.

A Lucca abbiamo gli ospedali e un pensionato a lei intitolati.

Il Gosto e Mea del nostro detto arrivano da una leggenda popolare Toscana, sono stati narrati in prosa e testo da Antonio Guadagnoli e rappresentati in varie commedie in Vernacolo. 

Questa la trama in breve:

Due anziani contadini dal letto sentono che il vento fa sbatacchiare la porta al piano inferiore della loro umile casa di mezzadri. 

Iniziano una contesa su a chi spetti alzarsi dal letto per andare a “serrare l’uscio”. 

Si accordano sul fatto che il primo che fiaterà pronunciando una parola dovrà alzarsi; da qui il sottotitolo “la lingua di una donna alla prova”. 

Non lo faranno per un bel po’ tanto che i vicini si allerteranno dandoli per morti e sarà chiamato persino il préte. 

Alla fine Mea cederà quando vedrà che, oltre agli altri umili beni,  stanno per sottrarle il materasso appena rinfoderato ( i due non avevano figli o parenti e i paesani si stavano dividendo la ròba ) .A questo punto Gosto trionferà perché la lingua della consorte non ha superato la prova ed il prete infuriato li apostroferà come “Contadini bestie!”

Qui lo spoiler…

Mea :

“ No! ( Le materasse, no! ndr ) che c’ho rifatto il guscio!”

Gosto :

“O serra l’uscio!”

Il finale recita più o meno così:

“Perché coll’anni

Il fior di giovinezza

Perdon le donne:

Le grazie, la beltà, la freschezza

E poi i denti, i capelli e la salute

Così come il femminile inganno,

Il buon umore, il “ruzzo” e gli scherzi gai 

Ma la lingua, quella, non la perdon mai!”

I Gosto e Mea della commedia Toscana.

Gosto e Mea, inseparabile coppia, in Borgo Giannotti

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: