La vedova di Giovannone e il su’ marito

La vedova di Giovannone e il su’ marito

Dar barino fòri ci si spostiede davanti dalla vedova di Giovannone per aiutalla a sgrana’ i fagioli cannellini; che le’ era ‘na donnetta sempre gentile con noiartri ancho se s’era urloni e bestemmioni lì di sotto a casa sua.
Ir su defunto marito ‘nvece, vello sì ch’era matto! Ma matto ammodo da Fregionara! Perché, apparte ch’era sempre briao, vando vedeva una donna si sniudava tutto tutto, restava come l’aviva fatto su’ mà, eqquando trovava un omo, finiva sempre a facci a bega e novantanove ancho a labbrate.
Che lù era omo solitario tipo i pastori; le vacche le teniva giù in padule, guasi a Porcari e tutte le matine c’indava a attendele, a munge, a levanni ‘r pattume, a guvernalle e ci stava fin’a buio: ma ‘r su latte era varcosa di speciale che ni venivin a compra’ ancho da Tore!
Allòra, vando sonava ir vespro, pigliava la su bicirettaccia e veniva sussù, bare bare, vino vino, finché arivava sott’a casa, in fondo alla scesa, ch’era bello tondo e aviva sempre sempre voglia di ruzza’.

“ E te lì la vespa ‘un ce la devi mette….”

“e voialtri m’havite detto “Merda””

“E te hai guardo le gambe alla mi moglie….”

Ogni scusa era bona per attacca’.
E ‘nsomma sera iti lì accanto a danni una man a sgranà a quella santa donna, che po’, se s’aiutava, ci dava ancho da fa uno spuntino di pan e presciutto e un bel bicchierotto.
E le’, ancho s’era vecchia e era resta sola, continuava a fa tutto: orto, viti, polli… e piane ri’operte di porche a fagiolini.
E siccome lì ar bare c’era uno che di nome faceva Sandro, che i caszi sui ‘un ni risciva fasseli perché era ‘urioso come i cunigliori, a luqqui ni vense ditto di ‘ome era morto ir su povero marito.
E noiartri, che si sapeva ch’era morto briao, ci si provó a dinni di sta sitto, ma ‘un si fecie attempo.
Allora la vedova, che per fortuna un se la prese ( si dice “ Chi se la prese morì in un mese ) principió colla su’ storia:
“ ir mi povero marito in fondo in fondo, vando ‘un aviva bevuto, ‘un era un omo cattivo…
Lavoratore, cristian… figlioli ‘un ce n’en viensuti, sennò son convinta sarébbe stato ancho un padre ammodo…
Sortanto lù era abituato a sta solo, era ‘osì un popo’ fóresto e senśa sta con quell’artri po’ si finisce a parlà da sé, po’ ci si da ancho ragion… e i pensieri volino un popo’ a tutto… e lù s’era fissato che da morto voleva esse’ rispettato;
epperquello lù faceva sempre casino con questo e con quello, voleva sembra’ forte, voleva che se lo ricordassero com’un che debbole ‘un era ma’istato.
E ‘r mi Giovannin lo dicieva sempere:

‘Un c’è più rispetto per e morti

Neancho quand’en vivi.”

Povero Giovanni, figuriansi che lù aviva lascio ancho ‘r testamento

“Vando moio, avite a rispetta’ veste mi’ volontà e la mi’persona: cromato ‘un vo esse, sia mai mi sveglio…, becchino, no vello lì der pisano, che mi sta sur culo e mi da un che di sudicio; vo esse’ sóttero in piedi colla testa insù. No come facevin l’indiani cor capo fòri eh, tutto sottotera ma ‘npiedi

E insomma era nel settantaséi, me lo ri’ordo come fusse òra, ero ita all’ospedale per fammi le vene alle gambe e lù tutt’i giorni veniva a trovammi in biciretta.
E quer giorno lì era tutto ‘n tremà, sicché ni dissi “che hai? Ti senti male? Hai piglio l’anfruenśa?”
Ma lù śitto com’un topo.
(Po’ lo viensi a sape’ dopo che n’avevin fatto la murta per e le vacche, che lo volevin fa’ sbaraccà tutto, baracca e burattini…
Allòra hó inteso, l’aviva vista ‘na mancanśa di rispetto per lù e per el su’ lavoro…)
Sicché ni dissi “via se ‘un sei tantoperlaquale torna a casa, piglia un popo’ di marva, óggi un beve che è méglio…”
Lù pigliò le su carabattole e partitte, ma mi sa che per arivà ar Centoni si sarà fermo armeno ventivattro vorte…
E l’han trovo morto a sede’ sulla seggiola, sembrava sur comodo, rimasto ancho ammodo assai, cor fiasco ‘n mano.
Povero Giovanni, la corpa è mia…‘ un ce la dovivo mètte la varechina ner fiasco dell’acqua! Avrà avuto sete, di notte…
Certo anch’io ‘un lo potevo mi’a sape’ che voleva beve l’acqua, ‘un l’ha mai bevuta l’acqua ‘n vita sua!
Diceva sempre che l’acqua faciva venì la ruggine!!!

Il fagiolo cannellino rosso autoctono di San Ginese

 

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: