Il costume di lamentarsi: IO LAI

Il costume di lamentarsi: IO LAI

 

Parla’ di costumi a Lucca mi fa’ già ride’, che a Marina ci piglino sempre pererculo perché ‘un ci s’ha ir mare e dicano si va a fa’ ‘r bagno ner Serchio.

Po’ ci chiamin “tirchi” perché rispett’a lòro, ch’enno scialacquoni, noiartri a quatrini ci si guarda…

Una vignetta di GM74

Ma c’è un costume tutto nostro, oddio ce ne sarebbin diversi a dilla tutta ma ne vo’ dì uno òra, ch’è vello di lamentassi…

Una vignetta di GM74

Eh sì, a Lucca, siam un popo’ lamentoni!

Geenitori!

Oimmena!!

Gentelisame!!!

Che passione!!!!

Poverannoi!!!!

Una vignetta di GM74

Ma, IO LAI!,

come mai ci si lamenta così?

Che problemi s’avrà mai?

Qual’en le lamentele più frequenti?

In cima alla classifi’a si’uramente i SORDI. Sembra sempre d’un arivà, d’ispende troppo, di buttà via, che una cosa o vell’artra gosti troppo, che prima, quando c’erin le lire, ancho piglia’ il carello al supermarchet ci vuoleva meno…e la pigione, la miscela per el frullino, il mangià ne’ ristoranti ‘un ne parliamo, vestissi, prima facevi con pogo, òra ‘un gostin pogo neancho i carzettoni… e via discorendo.

Eppure a Lucca si sta benino e discretamente, lavoro grazzaddio ce n’è assai, la casa s’ha un po’ tutti… oh che si vòle?!?!

Ar secondo posto i PATNER come dicano l’ameri’ani e in television, ma sempre di mógli e mariti si parla; questi sono alcuni detti:

“Prima tutti lisci doppo merda e pisci” 

“Si stenta ir primo giorno e po’ ‘un si gode nulla” 

“Mal vorsuto ‘un è mai assai”

Come sarà che ancho se ci dicon d’un fanne di nulla, po’ ci si sposa e ancho ‘un ci par vero?!?

Allòra basta dì la mi moglie… il mi marito…tanto sempre da sopportassi c’è!

Sicché…passiamo al terzo pòsto

Ir TEMPO. Qui vo’ aprì una parentesi: ( si dice de’ vecchi ma ancho velli giovani….) chiusa parentesi.

È tutt’un lamentassi…quando è cardo e perché è cardo, quando è diaccio e perché è diaccio, quando piove e perché piove, quando ‘un piove e perché ‘un piove, e c’è ir vento,  e l’umido, la brinata, la secchina…

Po’ si parte colle stagioni, com’erin prima e si finiscie coll’ora legale “ Che òra sarébbe a quest’òra?” o sennò la questione dell’anni “ ma li principi? li finisci? l’incominci? Che millesimo?”

Quarto pòsto la SALUTE!

“Oh miomo, come va?”

“Mah! 

Ancho un calcio tira ‘n là!”

S’encontri varcuno e ni chiedi “come sta” ti principia a raccontà le péggio malatie; ma la ‘osa più grave è che te ‘un l’ascolti perché pensi già a raccontanni le tue che si’uramente EN PÉGGIO!

Po’ luqqui ‘un ti sta a sentì perché pensa a quelle della su’ sòcera che son di più, sicché ‘un si finiscie più. 

CUI PRODEST? NIMENEM!

Po’ si potrébbe continuà fin’a domani, perché o i figlioli, o le tasse, o le bue per le vie, o il pattume…der lavoro e la pensione ‘un ne parliamo ch’è méglio! Ve le vò risparmià, che son lucchese anch’io…

Vorei conclude’ con un bel

IO LAI !

‘Un lo só come mai si dice così… forse è l’abbreviaszion di “laido” che vórebbe dì “sudicio” o forse di un misto tra “laido” e “tapino” che il Boccaccio usava per “meschino o infelice” o forse di “laino” che a Lucca vòr dì assai “tirato” “co’bracci più corti de’diti” “tirchio”…

Si dice ancho “Io laire” dove “ la ire” sarébbe il prender la discesa, la corsa quando tutto va in giù come l’acqua che va nel più basso.

“Un c’è più ‘na lira”, appunto una lira

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: