Una giornata sopra le righe

Una giornata sopra le righe

Una giornata sulla TXXX

“Chi ha l’orecchi per intende in tenda, gli artri in roulotte”                                               ( G.Marx )

“…o stiino a casa!”

( Lustro)

Staman mi son isveglio cor pallin della TXXX! 

E sai, vando mi vien in mente ‘na ‘osa po’ mi ci fisso e doppo è un casino. Cioè un Casino ( di tempo ) mi ci vòle a levammicela di testa e po’ ‘un è detto che mi ci sòrta. Già ieri al bare sentivo che la mentovavin e tutti ne vuolevin discóre, chie anco impropriamente perché m’araparso ‘un se n’intendesse mi’a tanto. 

Ma a indà per e bare, si sa, c’è di molta ‘gnioranza, sicché ‘un c’ho fatto caso, hó preso il mi coretto e son indato a cambia’ l’acqua al merlo.

Oh te! Anco ner comodo c’era scritto “viva lè” e po’ sotto “iuventini gobbi ‘ome i cardoni” sicché hó ditto: “ ni fan anco ‘r tifo come alla lucchese e forse di più !”

Ma po’ ir giorno c’avevo da lavorà e anco i mi’ colleghi dicevano “te ci pensi troppo! Ti ci fissi! Po’ ‘un ti risce lavora’!” e via discorendo.

Allòra hó cenato normale, ansuppa e du’ fettine di biroldo , e son indato a letto; doppo pogo mi son addormuto, ch’ero cotto come un befanin.

Po’ verso ‘l tocco sonato, avevo già le palle dell’occhi aperte e gira che ti rigira ‘un c’era verso di fa arivà i pisani. E sie che avevo mangio leggiero, mia la trippa o ‘r baccalà come la sera prima che mi tornavin fissi a veglia ogni trepperdue…

‘Nsomma mi son isveglio cor pallin, allòra, siccome gronchio ner letto  ‘un mi passava, hó ditto: “ fammi prova’ a arizza’ per vedè se mi passa”

Ehi, l’avissi mai fatto… peggio, io lai, allòra si…!!! Ritto è péggio !!! Doppo sì che ti vièn da pensacci.

Menomale era sabato, avevo du’ ore, sicché son partito per anda’ ‘n comune a Capannori, perché m’avevin consigliato d’anda’ lì che c’avevin verchemipareva…

Son arivato e già lì fòri c’era un signore ‘ngiacchettato ‘ngravattato che doviva esse’ uno che ne sapeva di si’uro neancoaddillo.

Hó fatto per chiedini ma m’è passo davanti ir solito lecchino “buongiorno signor assessorevicesindacodirettoredirigenteprofessoreunhointesocomeeirnome” e ‘un hó fatto a tempo. 

Po’ domandanni mentre parlavino ‘un mi sembrava bello allòra son andato ar centro ‘nformazioni:

“Buongiorno signora, c’ha niente sulla T.?” 

“C’avevo varcosa ma òra ‘un c’hó mia più nulla…ce l’ho avuta ma l’ho data via e ‘un só più a chie…bisognerebbe sentì l’assessore alla curtura ma óggi ‘en chiusi, però se ha urgenza che è un caso disperato pòle senti l’APT che come dice la sigla la promòve.”

“Aaaaaaah” hó ditto io “òra ho inteso come funziona!”

Po’ c’era il solito ómino che ‘un attende a l’affarini sui che è vorsuto ‘ntervenì e m’ha suggierito:

 “guarda, io son vecchio e quel che sapevo oramai me lo son iscordo ma dice che ‘n bibrioteca c’han quarcosa…fusse per me la doverebbin insegna’ anco nelle scuole, facci una giornata ‘ntitolata, ma pensino sortanto alle ‘azzate”

“In bibrioteca???” di’o io “‘un só neanco in duv’è che son ignorante e ‘un ci son mai istato… ma davero???”

“Dice…c’ho mando de’ ragaszi e l’han trovata… sennò poi sentì ‘n parocchia tanto per arivà a Tassignan sei di strada”

Così ho fatto, arivato fòri chiesa era tutto chiuso; dato che c’ero ho fatto du’foto per capì come poteva esse’ messa, per che verso, per largo o per lungo, alta o bassa, piccola e grossa…

Allóra hó chiesto ar bare e ar tabacchin se sapevin nulla lòro ma nulla. “P’oi sentì ‘r macellaio che lù sento la mentóva spesso…sennò da’ cinesi che lòro c’han sempre tutto”

ma sie, ‘un potevo mi’a fa ir giro delle sette chiese…ma neanco potevo resta’ in voglia però…

Sicché son ito in bibrioteca e n’hó domandato all’inpiegato: “n’avete?”

“Ehi”- m’ha risposto- “magari avenne, n’hó forse una ma l’asserbo per qui, se proprio vòle ni facciò vede’ ‘n foto’opia!”

“Sì che vò! È da ierdilà che són in voglia ingaśzurito!”

“Via la prenderó allora, ma ci vòle un popo’ di tempo che l’avevo rintanata…”

Mentre ero lì, che vell’artro ‘un arivava, chissà induve l’aveva anficcata, mi s’è avvicinato uno ‘urioso che ha ditto “sei vì anco te per quella ‘osina lì?”

“Ma lo san tutti!” Hó pensato

“Guarda, ci sarebbe una professoressa che l’ha usata parecchio per scrivici de libri sopra, se v’oi ti do ir numero der telefano”

‘Nsomma ho preso appuntamento, per òra la guardo ‘n foto’opia ma speriamo di vedella méglio poi e capicci varcosa di come funziona.

La foto ‘Un è granché, forse dal vero è meglio, o forse è péggio perché ‘Un è come me l’immaginavo!

Storiella vernacola quasi si fantasia.

“E di tutto bisogna far esperienza 

E di caldo e di freddo 

Bisogna che l’uomo sia folle”

( G.Chaucer – Racconti di Chanterbury )

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: