Il Tempo ai tempi del virus

Il Tempo ai tempi del virus

.

.

Il tempo ai tempi del virus Corona è un tempo interminabile e spaventevole trascorso reclusi tra le mura di casa, spesso in solitudine, sempre nella noia più annichilente e mortale, nell’attesa di un “via” che ancora si ipotizza lontano.

.

È anche il tempo in cui la tecnologia dell’era dell’informazione e comunicazione dilaga come surrogato della standard-socialità mantenendo aggiornati e dialoganti le persone isolate e disconnesse dai propri affetti, i luoghi, le occupazioni, le passioni, le ragioni e i rifugi del vivere.

.

Così passano i giorni, uno uguale all’altro, nell’apatia, nella relatività, nella paura, rimanendo connessi ad un feticcio di relazioni digitali, il simulacro di un’esistenza non degna di essere definita “esistenza” , nella ragnatela estesa in tutto il mondo chiamata web.

.

.

La percezione del tempo, della tecnologia, della comunicazione, della socialità risultano modificate; si ha come la consapevolezza di un limite, un grosso ostacolo che prima -nella normalità- veniva quasi ignorato ma che ora incombe sulle nostre spalle, sul nostro capo, sulla nostra coscienza.

.

Saremo mai le stesse persone di un tempo?

.

Il Tempo ai tempi del virus è un tempo asettico, informe, sterile che ammorba persone e oggetti.

L’umanità si trova in bilico, teme, involve su se stessa attendendo immobile.

.

.

de Il Lustro

.

“Il Tempo ai tempi del virus” acrilico su tavola 70x50cm de Il Lustro

.

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
2 Comments
  • il Lustro
    Posted at 17:48h, 13 Aprile Rispondi

    Lucca villana
    .
    Perché così ami #Lucca?
    Perché è un #villaggio….
    ( #mariotobino )
    .
    Stamani, vuoi per i fumi dell’alcol serale vuoi per i sensi di #colpa dal troppo continuo #mangiare, mi sono alzato con l’intento di far #jogging per recuperare uno straccio di #formafisica .
    Il tragitto intorno al mio isolato ( zona #santanna ) mi ha lasciato legalmente transitare nei duecento metri in linea d’aria da casa…alla fine mi sono fatto quel pugno di chilometri che il mio scarso fiato e il mio inconsistente stato #atletico mi hanno accordato.
    Uscendo dal trafficato viale #GiacomoPuccini ( la #Sarzanese ) e passando sul dietro verso il #fiume si scopre una #periferia #rurale fatta di villette ( non palazzi ) , capanne ristrutturate a case ( non condomini ) , stalle ( non garage ) , orticelli ( non lastricati ) , #giardini ( non aiuole a tomba di cane ). Alcuni sono un po’ nascosti e guidando in auto è quasi impossibile vederli.
    Così si aprono delle corti ( aie contadine con più abitazioni affacciate ) dove i bambini giocano, i genitori dipingono la staccionata o rinvasano le piante e sostanzialmente convertono questa odiosa parentesi di reclusione in una forma di riappacificazione con il proprio tempo, i propri spazi e quel meticciato di affetti che è la famiglia.
    Neanche mezz’ora di #corsa e #stretching, rientro all’antico Palazzo Dellomini-Separati, #docciacalda , #vitamine e #integratore.
    Se DOMAI ritornerò farò qualche foto. Queste di Sant’Anna inizio 1900 non sono mie e mi scuso di non saperne citare la fonte.

  • il Lustro
    Posted at 17:49h, 13 Aprile Rispondi

    #Stamattina, nell’episodio più #trasgressivo ed #eccitante della giornata, andare al panificio a comprare del pane, il soggetto più bello da #fotografare è stato questa #mahoniaaquifolium peraltro in ritardo sulla #fioritura..,
    In #fila, fuori lungo la #strada, due #anziani litigavano sul proprio turno poiché si erano messi ad attendere sparpagliati e non ordinati come gli #indiani.
    Altri, i più #empatici , cercavano qualcuno per #chiacchierare; credo lo avrebbero fatto con chiunque per quanto erano sopraffatti dalla #noia da #isolamento.
    Mancava soltanto che ci scambiassimo un “#buongiorno , incrociandoci per strada o entrando alla posta e saremmo quasi stati classificabili come un #popolo #civile.

    Dispenseremo #sorrisi -con la mascherina-
    che nessuno
    potrà mai vedere

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: