La raccolta Winyl

La raccolta Winyl

.

.

.

“Winyl” è la parola inventata che fonde l’inglese di “wine” e “vinyl” ovvero vino e vinile.

Due argomenti il vino e la musica di grande ispirazione e attrattiva dato che la passione che da essi scaturisce è assai popolare ed attuale.

Il vino costituisce tra l’altro una delle peculiarità del territorio, ogni regione ne ha di tipici e caratteristici, un po’ come il proprio linguaggio ( dialettale e vernacolare che sia ) ed una forma di turismo più “lento” e “pensante” ne sta riscoprendo il valore e con esso restituendo una gran dignità alla terra, piuttosto “entroterra” e “campagna” ( in effetti ) dato che i circuiti commerciali si spostavano soltanto sulla costa e nelle città.

Una abbondante produzione letteraria e poetica ha discusso e cantato del vino dall’antichità ai giorni nostri con accostamenti talvolta decadenti o romantici; lo stesso nell’arte, il tema ha da sempre incantato gli artisti che in larga sono stati ( o così sono stati “dipinti” ) personaggi bohémien, quindi amanti, dediti o schiavi del vino.

.

La cura’s suggestion
Acrilico su tavola 70x70cm ispirato alla canzone di Franco Battiato

.

La musica è altra cosa…

La musica è trasversale alla terra, la musica è la sensazione universale che tocca ogni cuore a prescindere dal linguaggio, dal luogo e dalla comprensione del tema o del testo.

Il vinile è poi un oggetto retró, un “supporto” da amatori-nostalgico-analogici considerato che oggi le tracce musicali viaggiano veloci ( e velocemente si dimenticano ) , si scaricano ( e purtroppo anche si sottraggono) e infine si ascoltano in una crescente perfezione tutta digitale.

Da qui l’idea di produrre una raccolta di dipinti astratti basata sulla suggestione del riconoscibile long-playing ed anche un po’ del vino…in verità l’input è arrivato anche da una potenziale commissione.

Alla fine i primi tre lavori sono stati realizzati in action-painting con tecnica a spatola e pennello, al solito con colori acrilici su tavola, nel formato quadrato con settanta centimetri di lato.

Le “stratificazioni” di pittura ( circa tre ) hanno ricalcato gli elementi del bozzetto di base  che avevo precedente composto in una fase di studio del testo, della storia e dell’artista-cantante e autore del pezzo.

.

Creep’s suggestion
Acrilico su tavola 70x70cm basato sulla canzone di Radiohead

.

Fondamentale è stato tentare di  comprendere la canzone, sperimentarla, penetrarla ovvero associarla alla sensazione che poi avrei cercato di rendere in un linguaggio visuale ( e grafico ) apparentemente diverso da quello musicale.

Lustro

.

Absolute beginner’s suggestion
Acrilico su tavola 70x70cm basato sulla canzone di David Bowie

.

 

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: