Gianni e ‘l latte

Gianni e ‘l latte

Nella convinsion che ogni tanto varcosa di vernaolo dobbiam provà a scrivelo, perchè era il parlà de’ nnostri vecchi e c’è da esse anco noartri, vecchi così: da esempio per quachedunartro.

Un dipinto del Barsotti

 

Come facea Gianni…

Erin i ttempi vando ‘r Gianni la volea beccà e ni dava appuntamento induve su’ mà prendeva ‘llatte. Lù era anco niffito  ome ‘na lapa pe’ vvellartro moscon che ronsava perallì.

Anco noi s’indava co’ ‘na buttiglia in man per fassela riempì di latte, ma son seguro che a Gianni di noi un ne ne fregava neanco un caccarin.

Doppo avè fatto la parte e gioato fin guaszi a bbuio, questa era l’occasion pe’ rivedessi e continuà le mattie.

M’ariordo la stansa illuminata induve sur tavolin c’era un pentolon d’aluminio pien di latte tiepito rioperto da ‘n fottio di schiuma di panna. Era vello munto dalle du’ o ttre bestie.

Un mancava ir su’ ramaiolo e i meszurini da un quarto, meszo e da litro.

Dipinto di Elio Barsotti

Ir profumo di ver latte liccosì, mi par sempre d’avello ne’bbui der naso, ma un l’ho più sentuto.

La stalla era lì vicin e ci si potea andà. Prima d’entracci, a sinistra c’era ‘r su mucchio der pattum ben riposto che fumava e n’usciva un bottin nero che ‘nfilava ner fossottero lissotto. Drento, si potea anco vedè  ome si tiempiva ir secchio di latte, ma ar padron ni fumava la beretta e ci mandava via a raszi di foo se si schiassava. A vvorte un vitellin era lì a puppà.

Ma ritorniam ner filo der discorso insennò ce ne sarebbin d’ariscrive!

Olio su Tela – Elio Barsotti

A ccasa bisognava bollì ‘llatte: abbadallo e fà alla sverta a spenge ‘r gasse sennò, se spiccava ‘r bollore, in un vortiti ‘n là potea subbito montà e uscì dar tegamin, intrugliando indunniosa e po’ ni toccava a mi mà  rimedià le magagne e perun sovanto, a nnoi sopportalla. Quando diacciava, si formava sopra un’ispece di lessora soda: noartri piccini si chiamava “la puppa”. Se si girava alla sverta con un cucchiale, doventava ‘na specie di buro, bono anco pe’ ccucinacci o sur pan colla marmellata.

Ma quella sera ‘llatte un uscitte mai di fori e nello scardassi inverditte e aggraciolitte.

Ar mattin mi mà andò a informassi e ni riportò ‘llatte pe’ rirendinelo. La sera la sentensa della lattaia: “Brutto sudicion! La vacca n’ha ficco la szampa in der secchello e lù ni ce l’ha rileva! Sitto sitto, un m’ha miga ditto gnente! Che fegura m’ha fatto fa colle genti!”. Quella sera un ne lo fece pagà e tutto s’accomodò ner meglio, ‘ome costumava ne’ rapporti ammodino.

Ma a Gianni, ‘ose ‘ompagne a veste, n’en càpite in tutto r su’ intafarissi?  Ni si doverebbe dimandà, perché dalla ‘anzon un c’è da sapello.

Testo vernacolare di Giuseppe Pardi

 

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: