Tre merli

Tre merli

-—

Tre merli
partiron presto
sotto ‘Ir Quiesa, 
-lì d’Arlian-
a inda’ a fa’ ‘n giro
‘ntorn’a Lucca.
già di sopra 
in Fregionaia 
liti’avin di brutto
che velli sotto
dissin forte:
“lorolì en matti!”
Abbaccaron 
la Contesora
-credevin fusse ‘r fiume-
ch’el Serchio pogodopo
‘un lo viddin 
neanco morto.
Piuallà per Nave
c’incontraron, poerine,
varche ghelle;
ma i merli
avein le penne
e no la pelle
Però ‘un sapevin
iscrive guasi nulla;
Sicché 
A fassi passare 
bécca la paura
Si divisin di volà:
Uno finì da’ frati
préte ‘n seminario
Uno al laccio
che, dice, prese moglie
L’urtimo ci còrse
Arivó ar duomo
… e réstó ‘n forśe.

.

Il tratto di via Anfiteatro, presso la zona delle grotte, in cui ha sede la locanda Tre Merli che ha ispirato la storia

Lucca è una conca tra due braccia di collinette che convergono ad ovest dalle parti del monte Quiesa.

Una specie di “niidio” riparato dal vento e da tante perturbazioni che però quando si depositano nell’alveo che è la piana alluvionale lucchese, poi tardano a svanire perché le correnti d’aria del mare qui non arrivano.

Trattando di monti e nidi difficile immaginare questo luogo come privo di uccelli che dai boschi inviolati scendano sempre più vicino alla civiltà umana per osservarla.

Il merlo è un uccello selvatico, cioè vive allo stato naturale, ma brama la civiltà e ne è incuriosito. 

Non è raro poi che si vedano merli nei giardini delle case lucchesi o nelle tante aree verdi, tra cui le Mura urbane.

Sembra che il Merlo ami così tanto gli umani perché ricerca nella civiltà la protezione.

Si dice a Lucca:

“Canta Merlo…” ad indicare il divertirsi e fare gli sbruffoni finché si può e finché tutto gira bene.

Ed anche:

“ Io so dov’ha fatto il nido un merlo” ad intendere quei segreti che si custodiscono ai bambini e che si rivelano loro poco alla volta per appassionarli un po’ alla vita affinché non ne brucino le tappe.

Questa specie di filastrocca o storiella in vernacolo rientra nel ciclo dei componimenti fatti con l’uccello e si aggiunge a quelli con soggetto il piccione ( di San Michele ), della Storna ( che sorvola metà Lucca arrivando sopra all’Anfiteatro ) dell’uccello Padulo ( che vola basso ) e del Chiuino ( l’uccellino del freddo ).

Su Fregionaia è stato già scritto, in quanto sede del Manicomio cittadino, non sulle Ghelle, modo di dire scherzoso abbinato a questo animale fantastico che dovrebbe consistere in un volatile privo della pelle ( o peluria e piumaggio )…

I tre merli della storiella lucchese

I tre merli partono da Arliano

I tre merli passano sopra il manicomio di Maggiano

I tre merli non si accorgono del fiume Serchio

Il merlo sposato e quello ordinato sacerdote –

Il merlo che arriva al Duomo

 

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: