Nel cantiere delle mura

Nel cantiere delle mura

.

.

Costruire le mura di Lucca fu un lavoro lungo, complesso e impegnativo.

.

Il disegno custodito all’Archivio di Stato e riferito al baluardo Santa Maria, chiarisce la perfetta metodologia adottata.

.

La progressione dei lavori, certamente a grandi linee, era la seguente:

.

1- Dopo l’approvazione del progetto veniva preparata l’area e poi si procedeva al picchettamento per delimitare sul terreno i limiti esterni del baluardo… 

.

2- Veniva poi realizzata, come visibile nell’immagine, una imponente intelaiatura con l’utilizzo di lunghi pali e tavole di legno di quercia o di castagno…

.

3- Sul lato interno di questa struttura veniva alzato un muro di mattoni (circa 90 cm di spessore alla base e rastremato verso l’alto) che, per reggere la potente spinta verso l’esterno provocata dalla enorme massa di terra con la quale sarebbe poi stato riempito il tutto, oltre ad una necessaria inclinazione verso l’interno (muro a “scarpa”) era rinforzato da numerosi contrafforti.

.

4- Seguendo le indicazioni del progetto, venivano costruiti tutti i locali, i passaggi e cunicoli interni (gli attuali sotterranei)… 

.

5- Con un grande via vai di centinaia e centinaia di carri, veniva tutto riempito con terra la quale, prima della posa in opera, doveva essere bagnata e battuta “a regola d’arte”…

.

6- In ultimo, ovviamente, veniva smontata l’impalcatura e tutti potevano ammirare il capolavoro costruttivo lucchese…

.

La mancanza del cemento armato penso sia stata una grande fortuna…

.

di Enzo Puccinelli

.

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: