Te fanni’resto

Te fanni’resto

.

.

.

( storia di fantasia )

M’ha ditto mi mà d’indà al merciaio per comprammi le braette rosse siccome ( dice ) portan bene portalle l’urtimo dell’anno.

Io, di mio, saréi scettico, però ‘un voréi sciupà la tradiśśione del bònafinebònprincipio e considerato com’è ita da du’ anni aqquestaparte, neanco vórei passà il venturo ventidue ( scusate la sbrosciata ) a grattammi pe’scaramanśia…

A proposito di grattassi, a comprà le braette, bisogna badassi di piglialle pipoallergeniche insennò pare d’avecci le

biattole tra i coglionfani, allòra l’ho tentata dall’emporio davanti casa mia, epperò ‘un l’avevan della mi’ taglia…la commessa prima mi c’ha guardato ammodo, po’ ha mesurato, ci mancava solo m’attastasse e s’era arivi!

Avendo furia son dovuto passà da’ lincincini che lòro c’han di tutto perfino il latte di gallina. Ci vado malvolentieri perché ‘un mi riesce intendili e la cosa è avviciendevole però a Sant’Anna ce n’è duottrè botteghe sicchè pòle tornà comodo, quando per un’aradio, quando per e piatti, insennò per comprà l’olio di gomito o un martello a tre colpi

( faccio notare che l’ultimi due mi c’hanno mandanto a piglialli che ero bamboretto e ‘n feramenta da’Rugani a Guamo ‘un l’avevin mai …ma d’altronde a que’tempi i cinesi ‘un c’erino).

Insomma a falla corta e lunga, braette rosse ce n’avevin Anco per el maiale, piglio le prime e vado per paga’.

Quelle e du’ altre bischerate fan tredici euri ( ventiseimilalire per intendisi ).

Pago con venti e mi fan i’resto.

La quistione è che me li dan tutti spiccioli, ma spiccioli ammodo, sarébbaddì decini, ventini, cinquantini per ‘un contà quelli da undueeccinque che ‘un li piglia più neanco il panaio.

“O toh! Lo dicevo anch’io…ma ‘un tira mica il vento fòri che c’avete da piombammi!” – ni faccio

“Come dile?” – risponde le’, la cinesina.

“Dile che tutte monetine rompele palline”

“Volele palline di Natale? Colsia quattlo “

“Non volele palline di Natale- io scocciato- avele già assai delle mie di ultimi due anni… “

Allora il lampo di genio:

“Signorina, facciamo così, io spendevo tledici, ni dó tre euri che òra sono pieno ( in tutti i sensi ) e lei mi ridà i dieci di carta mii “

Insomma, lo voi sapè?!? ‘Un me l’ha mia dati! M’è toccato venì via con le pive nel sacco ( e ‘ccentesimini ) però le braette rosse òra l’hó.

Ora le sciacquo e me le provo, il dumilaventidue ha a discore pogo…speriamo ‘un faccin grattà sennò n’arivo in bottega a pallallaria rosse per fanni vedè ( sennò ‘un me le cambino )!

de Il Lustro

Tags:
,
il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: