La clonaśzione …

La clonaśzione …

.

.

La Clonassione di un Toscano

.
Doppo avé clonato de’ttarponi
la peora dolli e du’ aproni,
a vei capoccioni di sciensiati ameriani,
n’è venuto in mente di clonà anco ‘tToscani.

.

In quel laboratorio sipillito di provette,
d’alambicchi, pappagalli, ampolle e di padelle,
han strappo ad uno scheletro d’Etrusco
cavato da drento alla su fossa,
du’ schegge d’osso
e l’han misse in fondo ad un’ampolla grossa grossa.

.

L’han spiacciate e acciuccignate ben
e da vella poltiglia lie, ci han levo un pessettin
così piccin che pe’ vedello,
d’occhi sur naso cene vorebbe dieci e irradar ner cervello.

.

In d’una provetta poe l’han misso,
c’an ficco assieme dell’oglio bon, der vin bon
e du pessetti di pan e di stoccafisso

.

L’han stiocco sur foo,
l’han sciambrottato ben per più di un’ora e meszo
e un attimino pria che avvenisse vesta malidetta clonassione,
un caccarin di bottino di cristiano c’han ficco drento;
ma poo poo ehh!

.

Sennò, se carchi troppo la mano,
un pole che uscì fora
gnent’artro che un pisano.

.

di Mimmo Tattrabacco

.

.

il Lustro
dario.barsotti@hotmail.it
No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: